Close

Come scegliere il lavabo giusto per il tuo bagno

Hai deciso di ristrutturare il tuo bagno o ne stai progettando uno? Uno degli elementi più importanti da valutare è sicuramente il lavabo. Rappresenta una scelta fondamentale in termini di praticità ed estetica e deve essere selezionato con molta attenzione. Ne esistono numerosi in commercio, differenti per tipologia, dimensioni e colore, e questo in un primo momento può entusiasmare ma anche spaventare.

Qual è il lavabo migliore per il tuo bagno? Quello che meglio risponde alle tue esigenze e ai tuoi gusti. Aspetti tecnici come la profondità del lavabo, l’altezza del mobile e l’installazione della rubinetteria sono determinanti, è vero, ma sono le forme, i materiali e i colori a definirne lo stile e a far sì che si integri alla perfezione nell’ambiente che stai realizzando. Affidarsi a un professionista esperto permette di ottenere un prodotto di alta qualità, duraturo e che si abbini alla perfezione al resto della casa, senza dimenticare la funzionalità e le esigenze pratiche di tutti i giorni.

Vediamo insieme alcune soluzioni, per aiutarti a trovare il lavabo migliore per te.

1. Lavabo da appoggio

Elegante, moderno e dalle linee essenziali, il lavabo da appoggio viene posizionato su un piano preforato in cui la rubinetteria può essere installata a muro o direttamente sul piano. Questa soluzione garantisce grande libertà nella scelta della forma e delle dimensioni, sia del piano che del lavabo, e può essere realizzata anche su misura, nel caso di spazi particolari o di esigenze specifiche.

2. Lavabo a semincasso

Originale e dal design contemporaneo, questa soluzione prevede un lavabo con la parte posteriore incassata nel mobile bagno mentre la parte anteriore sporge verso l’esterno. In base ai tuoi gusti puoi scegliere un lavabo dalle forme arrotondate o squadrate e rappresenta una buona soluzione nel caso di bagni con poco spazio che necessitano quindi di mobili dalla profondità ridotta.

3. Lavabo da incasso

Questa tipologia di lavabo è completamente inserita all’interno del mobile bagno e può essere sotto piano, con la ceramica che rimane sotto il top, o sopra piano, con il bordo del lavandino che sporge rispetto al piano, in base ai gusti e alle necessità. Per il lavabo e il piano si possono scegliere materiali differenti (vetro, legno o marmo), per creare piacevoli contrasti visivi e un design originale.

4. Lavabo integrato

Il lavabo integrato è la soluzione più gettonata degli ultimi anni. Permette la massima libertà di scelta nelle forme, nei colori e nei materiali e una totale personalizzazione della struttura e delle dimensioni in base alle proprie esigenze. L’unica cosa di cui tenere conto in questo caso, però, è la profondità del lavabo: in questo tipo di soluzione sarà infatti molto meno profondo rispetto alle altre tipologie e una fuoriuscita di acqua sarà molto più probabile.

5. Lavabo a sbalzo

La soluzione intermedia fra un lavabo a semincasso e un lavabo integrato. In questo caso, infatti, una parte del lavabo è integrata nel piano, mentre una parte è esterna ad esso. Come per il lavabo a semincasso anche questo può essere scelto nelle sue forme più arrotondate o squadrate e può essere realizzato nello stesso materiale del top per dare una maggiore sensazione di continuità e un design più pulito. Rappresenta la soluzione ideale in bagni molto piccoli, perché dona una percezione visiva più ampia dell’insieme.

6. Lavabo sospeso

Il lavabo sospeso è indice di una scelta essenziale, semplice e dal design pulito. Il lavabo viene fissato alla parete e lascia molto spazio sottostante che dona un’aspetto ordinato ed elegante al bagno, permettendo al tempo stesso di sfruttare l’ambiente con maggiore libertà. Data l’assenza di un mobile bagno contenitore, occorrerà progettare alcuni mobiletti o mensole su cui posizionare gli oggetti d’uso quotidiano. La rubinetteria può essere a muro o integrata nel lavabo e il sifone può essere lasciato a vista o nascosto, per una soluzione ancora più essenziale, con un piccolo intervento di muratura.

7. Lavabo monoblocco o a colonna

Questa tipologia di lavandino non prevede un piano d’appoggio e si compone di un lavabo appoggiato su una colonna in ceramica appoggiata a terra (a colonna) o integrato in essa, sospeso e fissato alla parete (monoblocco). Una soluzione stilisticamente originale e interessante, considerando che nella tipologia a colonna il lavabo può essere posizionato anche al centro della stanza o comunque staccato dalle pareti, richiedendo uno scarico a terra. Nella tipologia a colonna è perfetto per bagni dallo stile retrò, mentre nella tipologia monoblocco si può adattare a diversi stili, da quello tradizionale a quello più contemporaneo.

Richiedi Informazioni