Close

Ristrutturazione casa: come organizzare un loft open space

Il loft è la soluzione abitativa ideale per chi cerca spazio e ama lo stile urban-industrial tipico di queste grandi superfici. Nasce come recupero di vecchi immobili industriali posizionati nei centri cittadini, che sono stati abbandonati in qualità di comparti produttivi a favore di una dislocazione più interessante per le aziende. Come gestire questo nuovo spazio abitativo ricco di possibilità? Rivedendo le regole della progettazione tradizionale e scegliendo di lavorare con grandi altezze e ampie metrature.

Se hai acquistato un loft e stai per progettare gli spazi della tua nuova casa, o se hai in progetto di diventarne proprietario in futuro, ecco alcuni preziosi consigli che ti guideranno nelle scelte migliori da fare.


1. Affidarsi a un professionista

La prima cosa da fare, in contesti abitativi così complessi da progettare, è affidarsi a un professionista. Grazie alla sua esperienza potrai trovare la soluzione migliore per le tue esigenze e quelle della tua famiglia, valorizzando l’ambiente a disposizione e dividendo gli spazi in modo funzionale.

Una delle caratteristiche peculiari dei loft, infatti, è la totale mancanza di pareti e porte che dividono in stanze la casa. Si rivela quindi molto importante il punto di vista di un architetto di interni, che sappia far convivere fianco a fianco le zone migliori della casa definendo tutti quegli spazi che necessitano di privacy (come la zona notte e il bagno) e bilanciandoli alla perfezione con quegli ambienti che invece restano openspace (come il soggiorno, la sala da pranzo e la cucina).


2. Scegliere le separazioni visive più adatte

Esistono molteplici soluzioni per separare visivamente gli ambienti di una casa openspace, come il loft. Fra le più semplici troviamo le tende, i paraventi, i mobili e gli elementi d’arredo bifrontali o a giorno che, posizionati in modo strategico per non compromettere la luminosità e la fruibilità dello spazio, suddividono efficacemente lo spazio in più sezioni.

Se invece si rendono necessarie separazioni visive più strutturali, allora punta tutto su sezioni e pareti in cartongesso. Questo materiale è ormai molto diffuso e apprezzato, per la sua versatilità e capacità di accogliere e nascondere elementi che si preferisce non mostrare in un openspace, come i ripostigli o le tecnologie.

Il tuo loft ha un soffitto molto alto? Puoi scegliere di sfruttare le altezze predisponendo un pratico e originale soppalco. Definisci da subito a quale stanza della casa dedicare il soppalco, per realizzare una struttura dall’altezza necessaria agli usi che si faranno al suo interno: se per esempio vuoi realizzare una camera da letto, l’altezza fra il soppalco e il soffitto potrà essere inferiore rispetto a quella per uno studio o un salottino.


3. Il colore e la luce

I colori mostrano il carattere di una casa e rispecchiano la personalità di chi la vive ogni giorno. Scegli le tonalità che preferisci ma presta molta attenzione ad armonizzare tutto perché, trattandosi di un open space, ogni elemento sarà a vista e dovrà essere quindi ben abinato a tutti gli altri elementi dell’abitazione. Ti consigliamo di scegliere perciò delle tinte neutre per quanto riguarda pareti, pavimenti, cucina e infissi, e di giocare invece con i colori utilizzandoli nei complementi d’arredo e nei tessuti (come le tende, i tappet, i divani e le poltrone).

La luce, poi, è un elemento fondamentale all’interno di una casa e tanto più in un loft openspace. Durante tutta la progettazione della tua nuova casa bisogna studiare con attenzione le fonti di luce nell’arco della giornata sia per quanto riguarda la luce naturale che quella artificiale, che devono compensarsi alla perfezione creando le giuste atmosfere.


4. Gli ambienti più difficili da progettare

Infine, vediamo nel dettaglio gli ambienti che possono dare maggiore difficoltà di progettazione all’interno di un loft: la cucina e il bagno. Quando si progetta una cucina bisogna pensare prima di tutto alla praticità ma senza rinunciare allo stile. La preoccupazione maggiore di chi acquista un openspace, al momento di scegliere la cucina, è la presenza costante di odori nelle altre parti della casa. Come risolvere il problema, evitando antiestetici tubi di aspirazione a vista? Facendo affidamento alle nuove tecnologie e scegliendo i migliori sistemi di aspirazione e ricambio dell’aria, che forniranno inoltre un ulteriore elemento di design all’ambiente.

Come progettare invece un bagno? La soluzione migliore è approciarsi a questa stanza in modo tradizionale. Scegli quindi un angolo della casa facile da chiudere, che conservi però lo stile generale della casa integrandosi completamente in essa per evitare il fastidioso effetto “monolite”.


Vuoi ricevere altri consigli per progettare il tuo loft openspace? Contatta i professionisti di ABC Interni, insieme potremo realizzare la casa dei tuoi sogni con una ristrutturazione chiavi in mano rapida e trasparente.

Richiedi Informazioni